JA slide show
 
Home
La manutenzione straordinaria dei centri abitati del Comune è affidata ai lavoratori occasionali mediante vaucher
PDF Stampa E-mail
Martedì 28 Aprile 2015 16:58

foto vice sindaco

Ieri, 27 aprile, dieci lavoratori assunti temporaneamente, per dieci giornate, mediante vaucher hanno iniziato la loro prestazione d’opera nel territorio comunale. E’ stata loro affidata la manutenzione dell’arredo urbano: dovranno pitturare ringhiere, muretti e saranno, altresì, utilizzati per gli interventi inerenti il decoro degli spazi pubblici.

Successivamente altri dieci lavoratori, già sottoposti a visite mediche,  prenderanno il loro posto.

L’iniziativa non intende essere solo una tutela palliativa per chi vive situazioni di disagi economici, una sorta di contributo alla presenza fisica del lavoratore, ma mira, invece, ad eseguire lavori utili per gli ambiti urbani del territorio comunale. V’è una giusta mercede riveniente da denaro pubblico per lavoratori che espleteranno compiti i cui risultati saranno apprezzati dall’intera collettività.

La scelta dei lavoratori è avvenuta mediante un avviso pubblico, dal quale è scaturita una graduatoria, per uscire dall’alveo del clientelismo ed evitare che “lavorino sempre i soliti”.

Non annunci, ma fatti, quindi, che caratterizzano questa Amministrazione fin dal suo insediamento.

E’ evidente che l’iniziativa intrapresa non ha la presunzione di risolvere i problemi occupazionali di questa comunità, ma costituisce una piccola boccata d’ossigeno per tutte quelle famiglie senza reddito da lavoro.

Dr. Domenico Albano – Vice Sindaco di Pisticci

 

 

 

Ultimo aggiornamento Martedì 28 Aprile 2015 17:27
 
Divieto ad uso potabile acqua
PDF Stampa E-mail
Sabato 04 Aprile 2015 09:23

Divieto ad uso potabile (ingestione anche indiretta) dell'acqua potabile a tutti gli utenti in C.da San Basilio e Scannaturchi.

Allegati
FileDescrizione
Download this file (divieto_uso_acqua_scannaturchi_040415.pdf)Ordinanza di divieto 
 
EQUITA' FISCALE NELLA ZONA DEI LIDI.PRIMA SENTENZA
PDF Stampa E-mail
Mercoledì 01 Aprile 2015 19:29

                                                                                                                                                                                                                              

                     

         EQUITA’ FISCALE PER GLI IMMOBILI NELLA ZONA DEI LIDI.

RIGETTATO IL RICORSO CON LA CONDANNA DELLA RICORRENTE AL PAGAMENTO DELLE SPESE DI GIUDIZIO.

Come si ricorderà, con nota Prot. 17012 del 7.7.2011 (Procedimento iniziato nell’anno 2002 per iniziativa degli uffici comunali e reiterato con le diverse amministrazioni e Commissari) inviata all’Agenzia del Territorio di Matera ed alla Direzione Centrale Catasto e Cartografia di Roma, il Sindaco Dott. Vito Anio Di Trani sollecitava, la richiesta di procedere alla revisione della classificazione di tutti gli immobili già accatastati nella zona dei Lidi e facenti parte dell’insediamento di Borgo San Basilio (circa 882 immobili), di Marina di 48 (circa 511), di Macchia (circa 250).

La richiesta in oggetto veniva fuori da un’indagine esperita dagli uffici Comunali laddove era stato riscontrato che la maggior parte degli immobili realizzati dalle varie imprese costruttrici ai fini della vendita, erano state accatastate per il 95% del totale censito, nella categoria A3 – Abitazione economica.

Tale classificazione così come risulta dalle varie comunicazioni inviate all’Agenzia del Territorio risultava palesemente non congrua rispetto a fabbricati similari e aventi medesime caratteristiche sia sul piano dei redditi che dei valori,  tant’è che veniva esplicitamente richiesto alla stessa Agenzia la riclassificazione catastale dei citati immobili così come esplicitamente previsto dall’art. 3 della Legge 23/12/1996 n. 662 “Misure di razionalizzazione della finanza pubblica”.

Pur evidenziando che l’art. 3 della citata legge prevede esplicitamente che “l’Ufficio Tecnico erariale procede prioritariamente alle operazioni di verifica degli immobili segnalati dal Comune”, e pur sollecitato diverse volte tale riclassificazione non era mai avvenuta.

Negli ultimi anni, l’Agenzia del Territorio comunicava che a seguito di sopralluoghi effettuati nella “zona dei Lidi” del Comune di Pisticci era stato accertato che le unità immobiliari presenti in tali zone avevano caratteristiche differenti dalle unità tipo rappresentative della microzona 3, per cui il relativo classamento non era congruo sia sul piano del reddito che dei valori, evidenziando altresì  una notevole sperequazione fiscale, in quanto le unità immobiliari urbane ricadenti nei fogli  di mappa n. 52, 53, 54, 131, 132 e 133 (zona dei Lidi turistico e alberghiero) avevano rendite catastali determinati con tariffe incongruenti.

L’Agenzia del Territorio faceva altresì rilevare che, sulla base delle unità immobiliari trasmesse dal Comune di Pisticci, ed oggetto di riclassificazione, poteva ipotizzarsi un aumento medio percentuale di circa l’80% sul totale delle rendite catastali, in quanto così come ipotizzato dallo studio la categoria prevalente nella citata zona dovrebbe essere A2 – Edilizia Civile ed A7 – Abitazioni in villini, ma non certamente A3.

A seguito di tale lavoro, sulla base degli immobili definiti dagli uffici comunali e trasmessi all’Agenzia del Territorio, si procedeva alla RICLASSIFICAZIONE CATASTALE DEGLI IMMOBILI NELLA ZONA DEI LIDI. Tale operazione  avrebbe fatto giustizia, dal punto di vista fiscale, anche ai cittadini pisticcesi che in virtù delle caratteristiche della propria abitazione hanno proceduto all’accatastamento del proprio immobile in modo regolare nella cat. A2 o A7 sulle base delle caratteristiche intrinseche del proprio immobile e avrebbe consentito, con le maggiori entrate ai fini ICI, l’eventuale riduzione dell’aliquota percentuale per tutte le altre abitazioni dei centri urbani del territorio di Pisticci.

A seguito di tale riclassificazione catastale la maggior parte dei proprietari, tra cui i costruttori proponevano ricorso alla Commissione Tributaria, chiedendone l'annullamento per:

•  Nullità dell'atto per sostanziale difetto di motivazione;

•  Violazione  e  falsa  applicazione  dell'art.7  L.21/2000,  art.3  comma  58  L.662/96,  art.2697

L’Agenzia delle Entrate, costituitasi in giudizio affermava la legittimità del proprio operato ribadendo che La procedura di  riclassamento degli immobili in oggetto attivata dall'Ufficio è avvenuta, nel pieno  rispetto  della  normativa vigente  ed  a  seguito  di  apposita  richiesta  da parte  del  Comune  di Pisticci di  procedere alla revisione della classificazione di  tutti gli  immobili  (si allegava elenco di tutte le particelle oggetto di riclassamento) di cui il classamento non risultasse congruo né rispetto a fabbricati  similari  ed  aventi  le  medesime  caratteristiche,  né  per  le  caratteristiche  oggettive  degli stessi.

Il Collegio, riunitosi in data 25.2.2015 RIGETTAVA l'eccezione relativa al  presunto difetto  di  motivazione in quanto  l'atto impugnato risulta adeguatamente  motivato  contenendo  tutti  i presupposti  di  fatto  e  le  ragioni  giuridiche  che  hanno portato alla rideterminazione del classamento.

Quanto, poi  al  difetto  di  prova  pure  eccepito  dalla  parte,  il Collegio  conformemente  a  quanto ribadito dalla Suprema Corte, ha ritenuto che la sufficienza della motivazione non va confusa con la prova dei fatti addotti  a sostegno della pretesa tributaria.

La sentenza, depositata in data 25 Marzo 2015, conclude affermando che la  procedura  di  riclassamento  eseguita  dall'Ufficio  resistente,  che  ha  portato  alla rideterminazione della rendita catastale degli immobili in oggetto, è del tutto legittima così come è legittima la comparazione effettuata con immobili similari ubicati nella zona marina del Comune di Policoro mancando nel Comune di Pisticci immobili di riferimento. Pertanto il  ricorso  va  rigettato  e  per  il  principio  di  soccombenza  si  giustifica  la  condanna  della  parte ricorrente alle spese di giudizio liquidate come da dispositivo.

             

 

Allegati
FileDescrizione
Download this file (SENTENZA RICLASSIFICAZIONE ZONA LIDI.pdf)SENTENZA RICLASSIFICAZIONE ZONA LIDI.pdf 
 
Piano operativo di razionalizzazione delle società partecipate
PDF Stampa E-mail
Martedì 31 Marzo 2015 15:40

Piano Operativo di Razionalizzazione delle Società Partecipate

Allegati
FileDescrizione
Download this file (deliberazione_G_M_48_2015.pdf)DeliberazioneGiunta Comunale nr. 48/2015
Download this file (PIANO_RAZIONALIZZAZIONE PARTECIPATE 2015.pdf)Piano operativoRazionalizzazione delle società partecipate
 
Fatturazione elettronica
PDF Stampa E-mail
Venerdì 20 Marzo 2015 08:08

Fatturazione elettronica: informazione per le Imprese interessate

 

 

Allegati
FileDescrizione
Download this file (fatturazione_elettronica.pdf)Elenco UfficiCodice Univoco Ufficio
Ultimo aggiornamento Martedì 31 Marzo 2015 14:54
 
Inaugurazione R.E.M.S. di Pisticci
PDF Stampa E-mail
Venerdì 27 Marzo 2015 10:05

alt

I lavori di riconversione dell'ex carcere di Tinchi sono stati completati. Si è recuperata una struttura realizzata con fondi pubblici, che l'Amministrazione ha messo a disposizione della Regione, per destinarla a Residenza per l'esecuzione di sicurezza (Rems).
Quella di Tinchi di Pisticci è la prima Rems, conseguenza della riforma che ha portato alla chiusura degli ospedali psichiatrici giudiziari.
La struttura sarà inaugurata lunedì prossimo, 30 marzo. La giunta regionale lucana ha spiegato che la Basilicata è la "prima in Italia nel superamento degli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, dando concreta attuazione ad una delle maggiori riforme civili del Paese".
La residenza ospiterà dieci persone e farà parte di una rete regionale di nuovi centri che saranno integrati nel sistema sanitario regionale.
La cerimonia d'inaugurazione si aprirà con i saluti del Sindaco, Vito Di Trani e del Direttore Generale dell'ASM, Pietro Quinto. Attesi gli interventi dell'Assessore regionale Politiche della Persona Flavia Franconi, del Presidente del Consiglio Regionale Piero Lacorazza , del Presidente del Tribunale di Sorveglianza di Potenza Gabriele Donatiello , del Sottosegretario di Stato del Ministero della Salute Vito De Filippo e del Vice Ministro agli Interni Filippo Bubbico e del Presidente della Regione Basilicata, Marcello Pittella.

 
  • «
  •  Inizio 
  •  Prec. 
  •  1 
  •  2 
  •  3 
  •  4 
  •  5 
  •  6 
  •  7 
  •  Succ. 
  •  Fine 
  • »


Pagina 1 di 7

Vai alla pagina Facebook del Comune di Pisticci Vai alla pagina Twitter del Comune di Pisticci Vai al canale YouTube del Comune di Pisticci

bandiera verde 2013

Menu Rapido

Accedi all'Albo Pretorio on-line

bottone monitoraggio basento

bottone inquinamento em

Accedi al Sitofono per chiamare il Comune di Pisticci

TASI 2014

Clicca per leggere le informazioni sugli importi, le scadenze e le modalità di pagamento

tasi

IMU 2014

Clicca per leggere le informazioni sugli importi, le scadenze e le modalità di pagamento

Clicca per accedere alle informazioni sul pagamento

Calendario disinfestazioni

calendario disinfestazione 2014

I Love Pisticci Zero Rifiuti

Servizio raccolta RAEE
Clicca per ingrandire


Video spot della campagna di comunicazione Pisticci Zero Rifiuti per l'avvio di un nuovo sistema di raccolta differenziata nel Comune di Pisticci.
Clicca per avviare il video

Mappa Turistica

Visualizza la Guida

Newsletter Gal Cosvel

Clicca per accedere alla newsletter Gal Cosvel

Newsletter

Agricoltura e Ambiente Accedi alla Newsletter dell'Assessorato all'Agricoltura e Ambiente cliccando sul seguente bottone agr amb Inserendo il tuo nome e cognome e la tua email nel modulo sotto riportato, potrai ricevere nella tua casella di posta gli articoli della newsletter a cura dell'Assessorato all'Agricoltura e Ambiente
Agricoltura & Ambiente



Banner



Iniziative e novità

pecAttivazione Posta Elettronica Certificata (PEC)
Si è provveduto a dotare il Protocollo Generale e ciascun Settore della PEC... [leggi tutto]
progetto_capsda_logoProgetto CAPSDA
Centri di Accesso Pubblico Servizi Digitali Avanzati. Anche a Pisticci